Al Shahid

image

Al-Shahid

Il Testimone

Al Shahid

Olio su tela 16 x 16 pollici

Allah (swt) è testimone delle loro[1] faccende e delle loro parole, non è incurante di quel che fanno.
Egli (swt) è sapiente di quel che succede, sapiente dell’appello veridico degli Inviati, sapiente del loro messaggio e testimone di quel che la gente ha risposto gli Inviati con fede o con falsità; testimone delle loro vendite e delle loro transazioni e di quel che nascondono.

——————————–

Da Hadrat al-hadarât al-jâmi‘a li-l-asmâ’ al-husnà capitolo 558 delle Conquiste o Rivelazioni Meccane (Futûhât Makkiyya) di Ibn ‘Arabî.

il Testimone (universale), Colui che testimonia a Se stesso del fatto che non c’è divinità se non Lui e rende testimonianza, in favore dei Suoi servi, [dove risieda] il Bene (khayr) e la Felicità (sa’âda) per loro, di quanto hanno trasmesso i Suoi inviati intorno all’obbedienza ad Allâh e al Suo Inviato e di quanti nobili tratti di carattere (makârim al-akhlâq) [essi] hanno manifestato. Così vale per il [nome] Testimone, che contro di loro testimonia delle trasgressioni (mukhâlafât), dei disaccordi e dei tratti futili di carattere (safsâf al-akhlâq) in cui sono incorsi, per così far vedere loro la grazia (minna) e la generosità (kara) divine in virtù delle quali le dispensa, coprendo e cancellando i loro errori, di modo che finalmente, nel loro ritorno (maâl) insieme a Lui raggiungano la grazia generale (‘umûl al-rahma), la cui ampiezza (sa’a) li ospita, giacchè sono parte della totalità delle cose che la divina compassione abbraccia. Queste cose chiamate ‘trasgressione’ (mukhâlafa), Allâh non le fa uscire dall’inesistenza (‘adam) per farle affiorare nellesistenza (wujûd) se non per il tramite della Sua grazia (rahma), posto che sono create (makhlûqa) dalla grazia (rahma) ed il luogo (mahall) in cui si realizzano è causa (sabab) della loro esistenza, giacchè non si manifestano per se stesse se non unicamente per mezzo del trasgressore (mukhâlîf). [1] Posto che sai che sono create dalla grazia e che, come tutte le cose, celebrano la lode [2] del loro Creatore (Khâliq). Come glorificano il loro Creatore, così, sapendo che non hanno luogo per se stessi, chiedono perdono[44] per il luogo (mahall) in cui – affinché l’esistenza delle loro entità (‘ayn) si torni a manifestare’ si attualizzano.

1) Il mukhâlîf è il luogo (mahall) e la causa secondaria (sabab) della manifestazione della trasgressione (mukhâlafa).
2) Allusione al Cor. 17:44. Vedere infra n. 55 (al-Wakîl).
3) Le trasgressioni, affinché si possano manifestare, chiedono a Dio che perdoni (istighfâr) e ‘copra’ (vedere supra, i nomi di radice g-f-r) il luogo in cui si attualizzano, [ossia], luomo per il quale si realizzano. Secondo l’autore,  .. la disobbedienza (ma’siya), quando in essa lo gnostico è presente con Allâh, è viva (hayya) e dotata di uno spirito divino (ruh ilâhî) che fino al Giorno del Giudizio chiede ad Allâh che lo perdoni per averla realizzata, ed Allâh trasforma ciò che di essa era cattivo in buono (hasan), così come sostituisce il suo corrispondente castigo in ricompensa. Cfr. Fut. II, p. 652. Su questa prospettiva della disobbedienza e sulla nozione di immunità del luogo di manifestazione (‘ismat al- mahall), come a dire, dell’Uomo, esente dalla colpa (vedere Cor. 48:2, dove tale esenzione si riferisce a Muḥammad), vedere S. Hakîm, Mu’jam, pp. 806-811.

Allah è testimone di quello che fate.
Corano III. al-Imràn, 98

Calligrafie originali di Hafez, New York.
Visitate il suo sito all’indirizzo: www.arthafez.com