Islam, Sufismo e Sufi
Islam, Sufismo e Sufi
 
 

L'ISLAM

I Princìpi dottrinari

Il Profeta Muhammed

Il Sacro Corano

I 99 nomi di Allah

I detti del Profeta

La moschea

La preghiera

Il Pellegrinaggio

Segreti del digiuno

Per le donne

Orario preghiere

Mappa del sito

 

Meditazione

Al giorno d’oggi la gente vuole iniziare al contrario: iniziano con la meditazione e poi apprendono le basi. Ma è più giusto e normale cominciare dal basso e da lì svilupparsi verso l’alto.

La gente afferma di usare la meditazione. La meditazione è il livello più alto della vita spirituale. La meditazione è per coloro che hanno raggiunto il Volto Divino, che sono in grado di vedere quel livello. Se qualcuno sta realmente meditando, l’intero corpo di quella persona sarà come gli occhi, anche se avrà gli occhi chiusi. Questa è la posizione reale di meditazione. La gente comune che chiude gli occhi per meditare normalmente dopo un po’ comincia a dormire.

Pertanto la concentrazione dovrebbe essere messa in un frangente senza essere spostata. In quaranta giorni sarete in grado di raggiungere un tale punto di concentrazione. Questa è disciplina spirituale. Qualunque cosa faremo sarà facile dopo quaranta giorni. La difficoltà è nel primo passo. Una volta che l’auto si muove, potrete cambiar marcia facilmente. Questo non potreste farlo all’inizio. Pertanto, l’antica conoscenza ordina alle persone di concentrarsi per quaranta giorni.

La meditazione non è per principianti, non per chi cade addormentato. Se qualcuno si addormentasse, vuol dire che non è adeguata al suo livello. In quaranta giorni e notti sarete in grado di controllarvi. Dopo di ciò, avrete il controllo nelle vostre mani. Se accade ciò, vuol dire che una persona può controllare il mondo intero. Una tale persona potrebbe condurre un vascello di 1000 tonnellate oppure di un milione di tonnellate; è lo stesso può dirsi anche se fosse un miliardo di tonnellate, non importa. Se è in grado di controllare sé stesso, può controllare il mondo intero. L’uomo è la creatura più importante, ma lo ignora.

Pertanto tutto necessita di una guida e ha bisogno di un sistema di addestramento. Se un ammalato andasse in Svizzera, non credo che andrebbe a cercare un medico di bassa fama, ma uno specialista. Allo stesso modo se qualcuno chiede un miglioramento spirituale, chiederà una persona di elevata classe spirituale. Altrimenti sprecherebbe il suo tempo, e non otterrebbe risultati. Sì è un allenamento utile per voi da praticare per quaranta giorni quello di parlare solo quando è utile. Potreste portarvi un quaderno per controllarlo. Potreste dire a voi stessi, “Scriverò e controllerò quel che dico”. Poi mostrate quel che avete scritto a qualcuno saggio e chiedete se va bene. In quaranta giorno, avrete probabilmente quaranta quaderni. Dopo quaranta giorni è molto probabile che non necessiterete di alcun quaderno. È una pratica semplice, ma anche un addestramento molto potente e una forma perfetta di concentrazione.

Non occorre incrociare le gambe e meditare, d’altronde non potrete trascorrere la maggioranza della vostra vita così. Vogliamo una vita normale. E non vogliamo mostrare, né insegnare qualcosa di inusuale.

Questo vale per chiunque chieda un metodo per sé stesso. Vogliamo raggiungere il nostro essere reale. Se questo fosse il nostro essere reale, allora non diventeremo polvere nelle tombe. Questo deve essere noto, ma molti sono sciocchi. Pensano di possederlo già, ma si tratta solo di un essere temporaneo donatogli dal loro essere reale. Quando l’essere temporaneo se ne andrà, giungerà l’essere reale. Cerchiamo di creare una connessione tra l’ombra del vostro essere temporaneo e il vostro essere reale. Se possedeste una connessione con il vostro essere reale, allora raggiungereste la Presenza Divina dei Cieli, la pace assoluta, la soddisfazione completa e la felicità assoluta.

 

Auto esame

Chiunque voglia compiere un qualche progresso nella propria vita spirituale, deve riconoscere la necessità di esercitare un fermo controllo su sé stesso. Non lasciate che la situazione vi scivoli via di mano tanto da esser necessario che venga qualcun altro a rimettervi sotto controllo. Se una persona potesse prendere precauzioni tali da poter evitare una malattia, sarebbe forse corretto che questi ignorasse le precauzioni per poi, una volta malato, doversi rivolgere ad un dottore per la cura? Ha forse senso? Che cos’è più facile, prendere semplici precauzioni o dover più tardi affrontare una pericolosa e dolorosa operazione?

Dovete sempre riflettere sul vostro stato interiore e sulle azioni che giungono da questo, chiedendovi: Come sono?” Ma al di là di compiere questa pratica di un tale auto esame, dovreste essere esaminati regolarmente da un “medico”. C’è una nuova moda tra la gente, andare ogni mese in ambulatorio e farsi misurare la pressione, la frequenza dei battiti cardiaci, ecc.

A coloro che sono interessati nel controllo della “pressione sanguigna” spirituale e “le frequenze cardiache” regolarmente, dovremo donare gli strumenti e la conoscenza richiesti per esaminarsi realmente. Per tanto, quelli che tra voi desiderino un metodo di auto-esame debbono mettere d’accordo le due parti di loro stessi per seguire un certo modo dalla mattina alla notte che condurrà alla metà quotidiana.

La mattina dovreste compiere la vostra intenzione, e la notte, dopo aver proceduto per la vostra strada per tutta la giornata, dovreste fare un resoconto delle vostre azioni.

“Adesso sono come speravo di essere la mattina quando feci la mia intenzione?
Sono un po’ meglio di quando ho cominciato la giornata?
Ho raggiunto il mio scopo del giorno o no?”
Questo è il più importante strumento dell’auto esame e un pilastro della nostra pratica individuale – un modo di raccogliere frutti, e per mantenersi spiritualmente puliti.

A conclusione di ogni giornata dovremo domandare a noi stessi:
“Le azioni compiute oggi sono state per me o contro di me, un profitto o una perdita?”

Se doveste mantenere questa pratica, probabilmente sarete in uno stato di preparazione interiore. A quel punto, qualcuno premerà il vostro bottone e ascenderete in un viaggio nel vostro spazio dell’anima.

Ognuno di noi possiede un tale universo. Quando osserverete dentro di voi, vi troverete da soli nel vostro mondo che vi appartiene. Nessuno può entrare in questo universo. Là le realtà delle anime sono stabilite fermamente in un universo più ampio dell’intera creazione materiale.

Quando avrete praticato fedelmente questo metodo di auto-esame, il “tecnico spirituale” sarà consapevole del fatto che siete pronti e sarete lanciati nel vostro universo. Allora, non sarete più prigionieri in questo pianeta.


Il Sacro Corano | Il Profeta | Discorsi | Ascolta lo dhikr | Bibliografia | Link
Foto | Appuntamenti | Download | La preghiera |I segni dell'Ora |


IL SUFISMO